Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Dorainpoi

Dorainpoi

costume e libero pensiero


Tsipras, il premier col cuore spartano che batte nel petto ateniese

Pubblicato da Dora Attubato su 23 Giugno 2015, 19:47pm

Tags: #Tsipras, #G8, #Genova, #Ancona, #Varoufakis, #Bobo Antic, #Taigeto, #no-global, #Guevara, #Resto-del-Carlino

Sbarcò ad Ancona per partecipare al G8 di Genova, ma fu rimpatriato col divieto di manifestare

A sin, il premier greco Tsipras durante una colluttazione con la polizia nel 2001. A destra, nel corso di una manifestazione di partitoA sin, il premier greco Tsipras durante una colluttazione con la polizia nel 2001. A destra, nel corso di una manifestazione di partito

A sin, il premier greco Tsipras durante una colluttazione con la polizia nel 2001. A destra, nel corso di una manifestazione di partito

Quasi irriconoscibile, Alexis Tsipras, t-shirt bianca e cappellino con visiera, sbarca ad Ancona nel 2001 per partecipare alle manifestazioni contro il G8 di Genova e viene rimpatriato con il divieto di poter partecipare ad altre manifestazioni. Una foto di Bobo Antic, pubblicata su Il Resto del Carlino ritrae il futuro premier greco con un gruppo di connazionali appena approdati nel porto della cittadina marchigiana. Sulla maglietta porta stampato il volto di Che Guevara. Il no global aspirante primo ministro ha anche i capelli lunghi raccolti in un codino.

Sarà per questo che l'ala sinistra del suo partito si sente tradita? Se lo avessero lasciato sbarcare, avremmo sentito parlare di lui già quindici anni fa? Può essere, a giudicare dall'atteggiamento "muro contro muro" che ha con un poliziotto in tenuta antisommossa. Insomma, già allora aveva tutta l'aria di uno che non le manda a dire. Tant'è che fu respinto insieme a 135 ragazzi ellenici. Del gruppo facevano parte altri settecentocinquanta giovani più disciplinati che furono ammessi a partecipare alla manifestazione.

E pensare che tutti erano convinti che il cattivo ragazzo fosse il ministro irriducibile senza cravatta, Yanis Varoufakis. Ne riserva di sorprese l'Alexis ellenico, che era poco più che adolescente quando diventò segretario dell’area giovanile del partito della sinistra radicale, Synaspismó, che, in seguito, confluì in Syriza. Come se non bastasse, creò anche il Social Forum Greco. E oggi, il suo partito antisistema fa di tutto per rimanere nell'euro e per non uscire dall'Ue. Il senso di responsabilità prevale sullo spirito ribelle? L'austerità vince ancora? La camicia bianca da primo della classe ha sostituito definitivamente la maglietta del Che? Non è che nel petto ateniese dell'addomesticato Tsipras batte un cuore spartano pronto a buttare dal monte Taigeto tutti gli affetti da patologia congenita del rigore? Merkel avvisata, mezza salvata.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti